• Isaia Silvano | Daelar Animation

Capitolo 5.1: Late Golden Age (1947 - 1952)

1947

Tweetie Pie | Manuale Daelar Animation
Tweetie Pie - Bob Clampett & Friz Freleng | © Warner Bros

I pionieri Kenzo Masaoka, Sanae Yamamoto e Taiji Yabushita fondano lo studio Nihon Dogansha. Tra i membri dello staff produttivo lavora un giovane illustratore e designer, Yasuji Mori, che negli anni si distinguerà diventando l'animatore più influente della storia dell'animazione giapponese. Dieci anni più tardi, nel 1956, Yabushita e Mori si sposteranno nella neonata Toei Doga, dove rappresenteranno per tutti gli "anni d'oro degli anime" le figure di riferimento di una delle case di produzione più importanti di sempre.


LEGGI: JIRI TRNKA: LA SILENZIOSA BATTAGLIA CONTRO IL TOTALITARISMO


The Circus Comes to Clown

Primo cortometraggio a colori di Screen Songs e unico episodio della serie in cui è presente il personaggio Blackie the Sheep. Il cartoon è prodotto dai Famous Studios della Paramount.


Tweetie Pie

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Il primo cartone animato con il duo Tweetie e il gatto, in seguito chiamato Sylvester per fare concorrenza diretta e spudorata al gatto di Tex Avery, fa vincere alla Warner Bros il suo primo Academy Award. Il cartoon è diretto da Bob Clampett e Friz Freleng.

King-Size Canary

GUARDA: [ YOUTUBE ]


King-Size Canary è considerato un classico di culto tra i cartoni animati della MGM. Sylvester, un gatto rognoso sull'orlo della fame, trova un minuscolo canarino e una bottiglia di fertilizzante "Jumbo-Gro". La bevanda dona agli animali domestici della città un superpotere grazie al quale essi possono diventare di dimensioni gigantesche. Cortometraggio diretto da Tex Avery.


1948

Hop Look and Listen | Manuale Daelar Animation
Hop, Look and Listen - Robert McKimson | © Warner Bros

Nel 1948, i lavori dell'UPA cominciano ad essere distribuiti dalla Columbia Pictures, ragion per cui adesso lo studio può finalmente produrre cartoni animati indirizzati al grande pubblico senza più dover utilizzare temi di propaganda per accrescere la propria popolarità. I Walter Lantz Studios chiudono alla fine del 1948 a causa di problemi finanziari. In seguito al caso Hollywood Antitrust, ad alcuno studio d'animazione viene più garantita la prenotazione di sale teatrali o cinematografiche per la proiezione di cartoni animati. Ciò rende la produzione di cortometraggi un affare molto più rischioso di prima e, per questo motivo, dal 1948 in poi verranno investite sempre meno risorse nella realizzazione di film destinati ad un pubblico teatrale, causando quindi il graduale declino di un'usanza che fino alla metà degli anni '40 aveva caratterizzato gran parte dell'economia nel campo dell'animazione statunitense.


Hop, Look and Listen

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Prima apparizione del personaggio dei Looney Tunes Hippety Hopper, creato dalla mente e dalla penna di Robert McKimson tra il 1948 e il 1949.


1949

The Little Orphan | Manuale Daelar Animation
The Little Orphan - Hanna & Barbera | © MGM

The Little Orphan

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Corto di Tom & Jerry vincitore dell'Academy Award al "Miglior cortometraggio d'animazione".

The Ragtime Bear

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Prima apparizione del signor Mr. Magoo, personaggio creato da Millard Kaufman. La realizzazione del corto è frutto di uno sforzo collaborativo. Si dice, infatti, che il regista e direttore dell'animazione John Hubley abbia in parte basato il design del personaggio su suo zio Harry Woodruff, mentre un'altra fonte di ispirazione potrebbe essere derivata dal comico e attore W. C. Fields. La Columbia Pictures all'inizio è riluttante sul pubblicare il corto, ma alla fine cede soltanto perché nel cartone animato viene incluso un orso dalle fattezze goffe e simpatiche, animale che secondo l'azienda potrebbe attirare molto pubblico giovane. Gli spettatori, tuttavia, si rendono ben presto conto che la vera star del cartoon è Magoo, uno dei pochissimi personaggi "umani" dei cartoni animati prodotti nella storia dell'industria dell'animazione hollywoodiana. Il corto risulta un successo al botteghino, e la crescente popolarità dell'UPA fa sì che tutti gli altri studi si sveglino e prendano nota su quanto i personaggi umani fossero stati sottovalutati fino a quel momento. Mr. Magoo, infatti, diventerà in futuro il personaggio animato di maggior successo degli studios UPA.

Mighty Joe Young

GUARDA: [ YOUTUBE (trailer) ]


Lungometraggio live-action realizzato con gli effetti speciali in stop-motion di Willis O'Brien e Ray Harryhausen. I due professionisti, sempre in squadra con lo scultore Marcel Delgado, riprendono e migliorano il lavoro sul set che aveva fatto conoscere in tutto il mondo il film King Kong nel 1933.

Begone Dull Care [Capriccio a colori]

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Corto d'animazione diretto da Norman McLaren e Evelyn Lambart in cui immagini astratte, direttamente dipinte su pellicola, accompagnano tre brani jazz eseguiti dall'Oscar Peterson trio.

Crusader Rabbit

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Crusader Rabbit è la prima serie animata prodotta appositamente per la televisione. Il concept viene commercializzato in prova nel 1948, mentre l'episodio iniziale Crusader Vs. The State of Texas viene mandato in onda sulla KNBH (ora KNBC) nelle prime televisioni di Los Angeles il 1° agosto del 1949. L'idea di realizzare una serie animata solo per il mercato televisivo è attribuita all'animatore Alex Anderson, ex membro dei Terrytoons Studios.

Bad Luck Blackie

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Cortometraggio prodotto dalla Metro-Goldwyn-Mayer e diretto da Tex Avery. Nel 1994, verrà votato il 15° miglior cartone animato di tutti i tempi, come citato nel libro The 50 Greatest Cartoons di Jerry Beck. Il titolo del corto è ripreso da un'opera teatrale basata su Boston Blackie, un popolare programma radiofonico dell'epoca. Bad Luck Blackie segna il debutto di Spike the Bulldog (ribattezzato Butch the Irish Dog a partire dal 2001), personaggio creato da Avery che apparirà nei cartoni di Droopy tra la fine degli anni '40 e gli anni '50.


La Rosa di Bagdad

Primo lungometraggio d'animazione italiano e uno dei primi film animati in Technicolor della storia dell'animazione europea. L'opera è realizzata dal regista Anton Gino Domeneghini con l'aiuto del Ministero della Cultura Popolare e viene prodotta tra Italia, Francia e Regno Unito. Il film racconta una fiaba ripresa dal racconto Aladino dell'opera Le Mille e Una Notte ed è accompagnato dalle musiche di Riccardo Pik Mangiagalli. La Rosa di Bagdad rappresenta un'impresa notevole dal punto di vista produttivo siccome dimostra che nell'Europa del dopoguerra si possono creare lungometraggi tecnicamente sofisticati e paragonabili persino a Biancaneve e I Sette Nani della Walt Disney Productions. Mentre l'animazione statunitense sta affrontando la fine della sua golden age e sta variando il proprio stile a causa della sempre più influente United Productions of America, in Europa invece l'animazione sta finalmente evolvendo cercando di sviluppare qualità grafiche molto simili a quelle dei Fleischer e dei Disney Studios degli anni '30 e dei primi '40.


I Fratelli Dinamite

I fratelli Nino e Toni Pagot sono considerati i veri pionieri della drawn animation italiana. Anche se conosciuti in tutto il mondo per il loro ruolo cruciale nel mondo del fumetto italiano ed europeo (soprattutto Nino, il fratello maggiore), i fratelli Pagot sono anche coloro che nel 1938 fondano la casa di produzione Pagot Film, il primo studio d'animazione italiano. Le prime produzioni dello studio purtroppo bruciano assieme allo stabilimento della neonata azienda nel 1942 in seguito ad un bombardamento. Tra quelle produzioni si trova anche la versione embrionale de I Fratelli Dinamite, lungometraggio animato in Technicolor che se fosse stato pubblicato in quell'anno avrebbe riscosso il primato di primo film d'animazione italiano mai realizzato. La produzione del lungometraggio viene invece ripresa nel 1947 e la versione definitiva de I Fratelli Dinamite viene proiettata in anteprima nel 1949 assieme a La Rosa di Bagdad alla Decima Mostra di Venezia. Tra i membri dello staff esecutivo si trova Osvaldo Cavandoli, animatore che negli anni '70 creerà La Linea, uno dei migliori cartoni animati della storia dell'animazione. In futuro i fratelli Pagot saranno alcuni dei protagonisti principali dello sviluppo dell'industria animata italiana attraverso le versioni animate di personaggi come Calimero, Cocco Bill del fumettista Jacovitti e Grisù Il Draghetto. Da menzionare è anche la serie animata del 1984 Il Fiuto di Sherlock Holmes, anime prodotto dalla Tokyo Movie Shinsha e dalla RAI. Il cartone animato, infatti, sarà co-scritto da Marco Pagot e diretto da Hayao Miyazaki, il quale vorrà omaggiare il figlio di Nino nel 1992 denominando proprio Marco Pagot il protagonista del suo capolavoro Porco Rosso.

Little Rural Riding Hood

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Cortometraggio diretto da Tex Avery considerato il diretto seguito di Red Hot Riding Hood (1943). Nel 1994, il cartone animato verrà inserito 23° nel libro The 50 Greatest Cartoons.


1950

Cenerentola | Manuale Daelar Animation
Cenerentola - Hamilton Luske, Wilfred Jackson, Clyde Geronimi | © Walt Disney Company

La Disney inizia anche a produrre film live-action a partire da Treasure Island (1950). Inoltre, dal 1948 realizza documentari sulla natura come Seal Island e comincia a trasmette in televisione lavori extra come lo speciale One Hour in Wonderland (1951). Per via dell'enorme mole di lavoro, Walt Disney tutti i giorni deve fisicamente recarsi da un'unità all'altra degli studios e perciò passa meno tempo a supervisionare il reparto animazione. Tuttavia, non perde per un solo istante l'interesse verso l'animazione e cerca di essere presente a ogni incontro con i team di sviluppo. Walter Lantz riapre il proprio studio nel 1950, con staff ridimensionato e su concessione della Universal (ormai nota come Universal-International), per realizzare altri cartoni animati della popolare serie Woody Woodpecker.

Cinderella [Cenerentola]

GUARDA: [ YOUTUBE (trailer) ]


Nel 1950 la Walt Disney Productions pubblica Cenerentola, un enorme successo (film più visto nei cinema statunitensi nel 1950) che finalmente revitalizza il reparto animazione dell'azienda e supera gli incassi di Biancaneve, diventando quindi il lungometraggio Disney più popolare e redditizio realizzato nei primi trent'anni degli studios. Si tratta del primo film d'animazione Disney a soggetto singolo dai tempi di Bambi. Cenerentola conquista in pochi mesi il mondo intero grazie alla regia di Hamilton Luske, Wilfred Jackson e Clyde Geronimi, trio che dirigerà tutti i Classici fino al 1955, e alle musiche di Oliver Wallace e Paul J. Smith.

Gerald McBoing-Boing

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Quando il cortometraggio della United Productions of America Gerald McBoing-Boing vince l'Oscar al "Miglior cortometraggio d'animazione" nel 1950, l'effetto su Hollywood è immediato ed elettrizzante. Lo stile adottato da John Hubley e dal suo staff è nettamente diverso da tutto ciò che si può osservare nei film e in televisione, e il pubblico risponde in maniera entusiasta al cambiamento che l'UPA sta offrendo nel mondo dell'animazione. Il corto narra di un ragazzino che parla solo con effetti sonori; viene scritto dallo scrittore Dr. Seuss e da Bill Scott (futuro autore della serie Rocky e Bullwinkle) e viene diretto dallo storico animatore Robert Cannon.


Pop 'Im Pop!

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Prima apparizione del personaggio dei Looney Tunes Sylvester Jr., creato da Robert McKimson.

Rabbit of Seville

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Cortometraggio dei Looney Tunes diretto da Chuck Jones e scritto da Michael Maltese. Il cartone animato, la cui trama ricorda Stage Door Cartoon (1944), presenta Elmer Fudd che insegue Bugs Bunny fino alla porta del palcoscenico dell'Hollywood Bowl. Dopo essere entrato nel teatro, Bugs induce Elmer a salire sul palco e partecipare all'opera lirica che si sta svolgendo. Lo spettacolo viene dunque interrotto dai loro inseguimenti e delle gags che si coordinano perfettamente con l'overture di Gioacchino Rossini. L'arrangiamento musicale curato da Carl Stalling, infatti, risulta notevole in quanto salvaguarda la struttura di base dell'opera originale Il Barbiere di Siviglia pur rimuovendone alcuni passaggi orchestrali. Stallings, inoltre, conduce l'intero brano a un ritmo molto più veloce per poter adattare la musica al minutaggio del cartoon. Nel 1994, Rabbit of Seville verrà votato 12° tra i cinquanta migliori cartoni animati di tutti i tempi.

The Scarlet Pumpernickel

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Altro cortometraggio diretto da Chuck Jones e scritto da Michael Maltese degno di nota tra gli episodi dei Looney Tunes grazie al suo cast insolitamente pieno di personaggi "star". Oltre a Daffy, Porky e Sylvester, il corto include infatti Elmer Fudd, Henery Hawk e Mama Bear della serie Three Bears, sempre di Jones. Gli unici personaggi noti non presenti sono Bugs Bunny e Foghorn Leghorn, in quanto esclusivi di Robert McKimson, Tweetie e Yosemite Sam, usati principalmente da Friz Freleng. Si tratta anche dell'unico cartoon diretto da Chuck Jones in cui il Sylvester sa parlare. Nel 1994, verrà votato 31° tra i cinquanta migliori cartoni animati di tutti i tempi.


1951

Alice Nel Paese delle Meraviglie | Manuale Daelar Animation
Alice nel Paese delle Meraviglie - Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Wilfred Jackson | © Walt Disney Company

Nel 1951 viene messa in commercio la prima televisione a colori negli USA.


La Nihon Dogansha fallisce e Sanae Yamamoto fonda lo studio Nichido, la futura Toei Doga.

Alice in Wonderland [Alice nel Paese delle Meraviglie]

GUARDA: [ YOUTUBE (trailer) ]


Nel 1951 la Disney pubblica Alice nel Paese delle Meraviglie, progetto in lavorazione dalla fine degli anni '30 che lo studio aveva dovuto accantonare durante la guerra. Il film riscuote inizialmente un discreto successo e riceve recensioni e pareri contrastanti dalla critica, anche se pochi anni dopo verrà acclamato come uno dei più grandi classici dell'animazione anglofona e darà vita a una moltitudine di versioni home video e ad un remake live-action. Mentre la regia di Clyde Geronimi, Wilfred Jackson e Hamilton Luske presenta una rilettura del libro di Lewis Carroll in una chiave profondamente avventurosa e in parte grottesca più che surreale e bizzarra, le musiche di Oliver Wallace contribuiscono invece a creare le atmosfere eccentriche e stravaganti di un film che vuole mettere in scena le potenzialità visionarie dei tanti creativi e tecnici Disney. Il risultato è uno straordinario lungometraggio musicale che privilegia la cura estetica degli elementi disegnati alla fedeltà del racconto originale di Carroll.

Sing Again of Michigan

Ultimo cortometraggio della serie Screen Songs dei Famous Studios.

The Two Mouseketeers

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Corto di Tom & Jerry vincitore dell'Academy Award al "Miglior cortometraggio d'animazione".

Puny Express

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Primo cortometraggio della nuova serie Woody Woodpecker.

Rooty Toot Toot

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Cortometraggio animato diretto da John Hubley, distribuito dalla Columbia Pictures e prodotto dall'UPA. Nel 1994 verrà votato dai membri del campo dell'animazione 41° tra i cinquanta migliori cartoni animati di tutti i tempi. Rooty Toot Toot, nominato agli Oscar del 1951, racconta tramite immagini stilizzate la classica canzone popolare Frankie and Johnny. Frankie è sotto processo per l'omicidio del suo amante musicista, Johnny. L'avvocato d'accusa dichiara in tribunale che è stata lei a sparare a Johnny "toot toot toot / right in the snoot". Nellie Bly, la cantante del brano, afferma di aver assistito alla sparatoria. Il caso sembra dunque orientarsi seriamente a sfavore di Frankie fino a quando il suo fidato avvocato difensore, Honest John the Crook, riesce a imbastire una versione degli avvenimenti per cui Johnny sembra invece essere il reale colpevole della propria morte. La giuria si riunisce e alla fine assolve Frankie, che freme dalla gioia finché non vede Honest John andarsene via a braccetto con Nellie Bly, la persona che prima aveva testimoniato contro di lei. Frankie quindi prende rapidamente in mano il "reperto A" (la pistola) e spara all'avvocato "toot toot toot / right in the snoot" di fronte all'intera aula di tribunale.


1952

Neighbours | Manuale Daelar Animation
Neighbours - Norman McLaren | © National Film Board of Canada

L'UPA subisce un duro colpo quando nel 1952 John Hubley viene licenziato dallo studio per "istigazione all'ideologia comunista". Steve Bosustow gli subentra come supervisore generale, ma non riscuoterà il successo di Hubley. Per non rischiare il fallimento, l'UPA verrà quindi venduta all'importante produttore cinematografico Henry Saperstein.

Johann Mouse

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Corto di Tom & Jerry vincitore dell'Academy Award al "Miglior cortometraggio d'animazione".

Neighbours

GUARDA: [ YOUTUBE ]


La surreale storia di due vicini che si distruggono per possedere un singolo fiore. Si tratta di un cortometraggio contro la guerra, realizzato dal regista d'avanguardia scozzese-canadese Norman McLaren e prodotto dal National Film Board of Canada di Montreal. Il film viene creato con uno stile noto come pixilation, una tecnica di animazione che utilizza attori dal vivo come oggetti da animare in stop-motion. Oltre che dirigerne e supervisionarne l'animazione, McLaren compone anche l'intera colonna sonora del corto grattando il bordo della pellicola cinematografica, scuotendo vari blob, linee e triangoli. Tutte azioni meccaniche che il proiettore legge e integra nell'opera come suoni. Pablo Picasso definirà questo di McLaren "il miglior film mai realizzato".

Rabbit Seasoning

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Cortometraggio della serie Merrie Melodies diretto da Chuck Jones con protagonisti Bugs Bunny e Daffy Duck. Si tratta del secondo capitolo della "Trilogia della caccia" diretta da Jones e scritta da Michael Maltese. L'unica grande differenza tra i corti della trilogia è la stagione in cui vengono ambientati. Infatti, mentre Rabbit Seasoning si svolge in primavera, Rabbit Fire (1951) si svolge in autunno e il terzo cartone animato, Duck! Rabbit, Duck! (1953), si svolge in inverno. Rabbit Seasoning, prodotto da Edward Selzer per la Warner Bros, verrà ampiamente considerato in futuro tra i migliori lavori di Jones. Nel libro di Jerry Beck del 1994 The 50 Greatest Cartoons, il corto verrà inserito 30° fra i cinquanta migliori cartoni animati di tutti i tempi.


Аленький цветочек [The Scarlet Flower]

Lev Atamanov è considerato il padre dell'animazione "fiabesca" russa e, insieme a Ivanov-Vano, Fyodor Khitruk, Yuriy Norshteyn e le sorelle Brumberg, l'animatore più importante della storica casa di produzione sovietica Soyuzmultfilm. Dopo aver infatti realizzato uno dei primi successi dello studio sovietico, il cortometraggio a colori The Yellow Stork del 1950, Atamanov decide di voler celebrare le fiabe e le leggende di ogni parte del mondo attraverso film d'animazione tecnicamente sbalorditivi. The Yellow Stork riprende il mito cinese La Pagoda della Gru Gialla, tuttavia consiste soltanto in un film animato di breve durata. Nonostante le già eleganti animazioni del corto, Atamanov vuole perfezionare gli elementi dinamici delle inquadrature e perciò inventa la tecnica "eclair", un processo di animazione simile al rotoscoping che però anima più livelli d'immagine allo stesso tempo, come per esempio attori reali in primo piano e fotografie sullo sfondo. Il fascino e la grazia di questa particolare tecnica si notano in maniera sorprendente nel lungometraggio The Scarlet Flower del 1952. Il film d'animazione è tratto dal racconto omonimo di Sergei Aksakov e riprende in maniera rivisitata le vicissitudini della fiaba La Bella e La Bestia.


Feed the Kitty

GUARDA: [ YOUTUBE ]


Cortometraggio della serie Merrie Melodies, sempre diretto da Chuck Jones e scritto da Michael Maltese, in cui l'apparentemente aggressivo bulldog Marc Antony (chiamato ancora Marc Anthony in questo episodio) adotta un piccolo gattino smarrito, Pussyfoot (ufficialmente ancora senza nome). Il cane si cura del cucciolo cercando di nasconderlo al suo padrone. Nel 1994, il cartoon verrà votato 36° tra i cinquanta migliori cartoni animati di tutti i tempi.


----------------------------------------------------------------------------------


| BIBLIOGRAFIA |